Ti aspettiamo al Cv Check del 13/11/2019 per vedere insieme come migliorare il tuo curriculum!

…ABS non è solo consulenza IT…

Il curriculum vitae è un breve riassunto delle tue capacità, del tuo percorso di studi e delle tue esperienze lavorative. Deve evidenziare i tuoi punti di forza e competenze e differenziarti dagli altri candidati che sono alla ricerca di posizioni simili. Per essere efficace, un curriculum deve immediatamente dare idea della tipologia di lavoro ed alla posizione per cui ti stai candidando. Non  devi indirizzare ogni piccolo dettaglio, ma il cv che invii deve riflettere le capacità e l’esperienza che il tuo potenziale datore di lavoro sta cercando.

In poche parole, è fondamentale colpire il bersaglio!

Di seguito alcuni miei consigli di compilazione su quali paragrafi e quali informazioni risultano fondamentali alla lettura del selezionatore.

Come scrivere un Cv in pochi punti:

-Che sia facile da leggere e seguire (perché il selezionatore trovi facilmente le informazioni che sta cercando in poco tempo)
-Che abbia una corretta e gradevole formattazione, preferibile se in una sola pagina (oppure, classico formato europeo, e non sbagli!)
-Che sia personalizzato a seconda dell’obiettivo (non esiste un Cv buono per tutte le occasioni!)

Cosa includere:

  1. About me: questa sezione risulta fondamentale per far percepire in maniera chiara la tua immagine professionale, e costruire tutto il cv intorno a quella.. Metti in chiaro cosa vuoi fare in questa fase della tua vita e qual è la tua identità professionale in questo preciso momento.
  2. Data di nascita: non dimenticare la data di nascita e l’anno, è importante!
  3. Residenza/domicilio: nelle selezioni in ambito IT è sempre importante capire dove abiti perché ad ogni consulente sarà richiesta flessibilità negli spostamenti ed eventuali trasferte.
  4. Mail e numero di cellulare: fondamentale indicare la mail con cui essere raggiunti (NB: consultare la mail almeno una volta al giorno…se vuoi lavorare nell’IT la lettura della mail è condizione necessaria!). Per la mail, evita i nickname (NO a “ciccione71″ oppure “stellina74″ … ti prego … usa nome e cognome!). Suggerisco di posizionarli in alto e ben in evidenza.
  5. Foto: deve essere simile ad una foto tessera. Ricorda, questa è la prima impressione che farai a un potenziale datore di lavoro: assicurati che sia buona!
  6. Istruzione (partendo dal titolo più recente): data di inizio e di fine (come prima informazione), titolo di studio, nome Ateneo/Scuola superiore, e votazione ottenuta.In caso di laurea, inserisci anche il titolo della tesi e una breve descrizione del lavoro. Se poi hai svolto esperienze di studio all’estero, dettagliale allo stesso modo.
  7. Esperienze professionali/Progetti universitari: poche informazioni ma mirate: periodo, datore di lavoro, profilo/ruolo, settore, progetti/ attività svolte. In particolare, per i progetti suggeriamo di includere il contesto applicativo oppure il processo e le attività seguite, mentre, per i tecnici, le tecnologie (sia quelle che hai incontrato sia quelle su cui hai lavorato). Indicare in modo chiaro il ruolo  in cui hai lavorato permette al selezionatore di capire anche il grado di autonomia e di curiosità intellettuale che possiedi.
  8. Corsi di formazione: indica i corsi, anche quelli universitari, cui hai partecipato non dimenticando di inserire le date, i temi specifici ed eventualmente l’ente presso cui li hai sostenuti.
  9. Competenze tecniche/capacità relazionali: un riassunto per punti delle tecnologie o applicativi che hai incontrato ed il relativo livello di approfondimento.  Risulta interessante anche comprendere il tuo livello di coinvolgimento nei vari progetti e le tue abilità o caratteristiche nel lavorare in gruppo. Per i tecnici, suggeriamo di dividerlo per categorie, come segue: ambienti/linguaggi di programmazione/software conosciuti.
  10. Lingue straniere: livello conosciuto scritto, parlato e di comprensione per ciascuna lingua straniera, con le eventuali certificazioni che hai conseguito, data e votazione.
  11. Interessi personali: soprattutto in questa sezione bisogna tenere in mente l’obiettivo iniziale: colpire il bersaglio. Usala per indicare tutto quello che pensi essere attinente alla vision ed alla personalità dell’azienda che stai incontrando.
  12. Profilo social: assicurati che sia aggiornato. I canali web di networking, come Linkedin, se utilizzati correttamente, possono generare contatti professionali interessanti e diretti con i recruiter che stanno cercando una posizione di tuo interesse. Il tuo profilo su Linkedin, ad esempio, deve essere professionale e avere tutti i requisiti che possano renderlo attraente agli occhi delle risorse umane (per capirci, un selfie nell’immagine del profilo non è considerato molto professionale J)
  13. Lettera di presentazione: ormai non si usa quasi più ma, nel caso, NON (e sottolineo NON) invia una lettera standard. Costruiscila mirata, informandoti prima sull’azienda cui ti proponi e sull’ambito della posizione aperta.
  14. Non dimenticare:“Autorizzazione al trattamento dei dati personali secondo la legge ai sensi dell’Art.13 d.lgs.30 giugno 2003 n° 196 – “Codice in materia di protezione dei dati personali e dell’Art. 13 GDPR 679/16 – “Regolamento europeo sulla protezione dei dati personali”.

Per poterne parlare di persona e rispondere a eventuali tue domande, ti aspettiamo al Cv Check (spazio Assessment Center) con il tuo Cv cartaceo durante il PMI Day del prossimo 13 novembre dalle h10.30 alle h13.30 c/o Campus Bovisa, edificio BL27 in via Lambruschini 4.

I nostri manager saranno a tua disposizione per darti i consigli per migliorare il tuo CV e renderlo più efficace… perché ABS non è solo consulenza IT!!!

A presto!

Stefania Coletta / Recruiter ABS srl

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × quattro =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.